Il primo Sistema Integrato per l'affiancamento al Responsabile per la Transizione Digitale dedicato ai Comuni con meno di 25.000 abitanti

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: cos'è, come si nomina e cosa deve fare

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: cos'è, come si nomina e cosa deve fare

In questo articolo voglio spiegarti cos'è l'Ufficio responsabile della Transizione Digitale, come si nomina e perchè deve essere istituito all'interno della Pubblica Amministrazione.

Ti ho già parlato del Responsabile della Transizione Digitale nei miei precedenti articoli e che, se non l'hai ancora fatto, ti consiglio di leggere:

  1. Come si nomina il Responsabile della Transizione Digitale e che competenze deve avere: un caso reale in un Comune di 1.523 abitanti
  2. Circolare 3 del 1 Ottobre 2018: il Ministro Bongiorno sollecita la nomina del Responsabile della Transizione Digitale (RTD)

Oggi voglio concentrarmi sull'istituzione, voluta dal CAD (Codice dell'Amministrazione Digitale), dell'Ufficio responsabile della Transizione Digitale.

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: cos'è?

L'Ufficio responsabile della Transizione Digitale è l'ufficio dell'amministrazione - istituito dall'art. 17 del CAD - a cui viene affidato il delicato processo di transizione alla modalità operativa digitale.

E' un ufficio - non necessariamente "fisico" - a cui sono assegnati i compiti di riorganizzazione interna finalizzati al raggiungimento di un'amministrazione aperta e, appunto, digitale.

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: chi lo nomina?

L'Ufficio responsabile della Transizione Digitale può essere nominato dal Sindaco con una delibera della giunta comunale.

Come stabilito dall'art. 17 del CAD la Pubblica Amministrazione DEVE cominciare a pensare seriamente ad una vera e propria riorganizzazione interna per il passaggio alla modalità operativa digitale.

La presenza di questo nuovo ufficio che, come anticipato, non dovrà essere necessariamente "fisico" e che ospiterà il Responsabile della Transizione Digitale, sarà necessaria per coordinare le attività previste dal CAD, come ad esempio:

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: come viene istituito?

1. Realizzazione ex-novo di questo ufficio

Laddove possibile, l'Ufficio responsabile delle Transizione Digitale può essere costituito ex-novo.

All'interno di questo nuovo ufficio verrà riunito il personale con competenze in materia:

  • informatica, per assolvere gli obblighi relativi alla sicurezza informatica, ai pagamenti elettronici, all'identità digitale, alla presentazione digitale delle istanze, al domicilio digitale e alla comunicazione digitale
  • giuridica, per assolvere gli obblighi previsti dal nuovo Regolamento Europeo (GDPR) e dal CAD
  • manageriale, per poter coordinare nel modo migliore tutti i settori dell'Ente

2. Individuazione di un ufficio già esistente

Nel caso in cui, invece, non sia possibile creare ex-novo questo ufficio si potrà far coincidere l'Ufficio responsabile della Transizione Digitale con un ufficio già esistente, come potrebbero essere ad esempio la Segreteria o il CED.

L'importante è che il Responsabile della Transizione Digitale corrisponda al Responsabile dell'ufficio prescelto.

3. Creazione di un ufficio "virtuale"

Nel caso in cui non si riesca ad individuare questo ufficio sarà possibile creare un Ufficio responsabile alla Transizione Digitale "virtuale".

Si selezionerà il personale più idoneo tra i vari settori (come ad esempio: il Responsabile del CED, un membro dell'ufficio Segreteria ed uno dell'ufficio Ragioneria) che, unendosi, sia in grado di assolvere tutte le competenze necessarie.

Queste persone faranno parte del "gruppo di lavoro digitale" dell'Ente e, uno di loro, verrà nominato Responsabile.

C'è anche un'ultima possibilità e che riguarda le realtà molto piccole, come ad esempio un Comune con meno di 10 dipendenti: l'Ufficio responsabile della Transizione Digitale corrisponderà direttamente con il Responsabile stesso.

Quest'ultimo è il caso in cui un affiancamento esterno è più che consigliato.

Ufficio responsabile della Transizione Digitale: cosa deve fare?

L'Ufficio responsabile della Transizione Digitale diventerà l'ufficio di riferimento dell'Ente il passaggio alla modalità operativa digitale e dovrà coordinare operativamente tutte le attività ad esso collegate.

Nel caso in cui, ad esempio, il Comune debba realizzare un progetto (come ad esempio la realizzazione dello sportello on-line per la presentazione delle istanze comunali) sarò compito dell'Ufficio responsabile della Transizione Digitale:

  • stanziare il budget
  • individuare le risorse umane coinvolte per realizzazione del progetto
  • programmare i tempi di realizzazione
  • coordinare le risorse umane durante la fase operativa
  • verificare il budget
  • monitorare il rispetto delle tempistiche previste
  • gestire gli eventuali imprevisti

Scarica la Guida al Responsabile della Transizione Digitale!

 

Altri articoli del blog...

L'Italia avrà un nuovo Ministro per la Trasformazione Digitale?

L'Italia avrà un nuovo Ministro per la Trasformazione Digitale?

E' Stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 26 Agosto 2019 il DPCM del 19 giugno 2019 che istituisce il dipartimento per la trasformazione digitale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri a partire dal 1 gennaio 2020.

Continua la lettura...

Accessibilità e Pubblica Amministrazione: quant'è (ancora) difficoltoso l’accesso ai servizi digitali per le persone con disabilità nel 2019!

Accessibilità e Pubblica Amministrazione: quant'è (ancora) difficoltoso l’accesso ai servizi digitali per le persone con disabilità nel 2019!

Nonostante l'Italia sia stata una delle prime nazioni all'interno dell'Unione Europea a dotarsi di una normativa sull'accessibilità, ancora oggi sono molteplici i problemi che le persone con disabilità incontrano quando vengono in contatto con la Pubblica Amministrazione.

Continua la lettura...

Il Responsabile della Transizione Digitale nel Mirino della Corte dei Conti

Il Responsabile della Transizione Digitale nel Mirino della Corte dei Conti

Tutto quello che devi sapere sul QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PIANO TRIENNALE PER L'INFORMATICA NELLA PA.

Ora non ci sono più scuse, quanto ho professato negli ultimi sei mesi (mettendovi in guardia nei miei eventi dal vivo) è diventato realtà, come prevedibile.

Continua la lettura...

Informativa privacy  |  Informativa cookie  |  Sitemap

Rds International srl - P. Iva e C.F. IT02902590120 - Varese (VA)